Adotta una Pinna!

Oceanomare Delphis Onlus è una organizzazione indipendente, che non beneficia di finanziamenti da parte di governi, partiti politici e sindacati.
Indipendenza vuol dire piena libertà di parola e di azione ovunque e in tutte le circostanze.

Adotta una Pinna!

Oceanomare Delphis Onlus studia, monitora e fotografa i cetacei nel loro ambiente naturale, effettuando azioni di identificazione e successiva catalogazione scientifica.

I marchi naturali e permanenti presenti sulle loro pinne ci permettono di identificare gli individui e di seguirli attraverso gli anni.

Anche tu puoi Aiutarci

Per sostenere la nostra attività di ricerca e supportare la conservazione dei cetacei in Mediterraneo, con una piccola donazione puoi adottare o regalare ai tuoi amici e familiari l’adozione di una balena o un delfino. 

Con questo semplice gesto formerai un legame speciale con il tuo cetaceo e allo stesso tempo ci aiuterai a proteggere le loro popolazioni e l’ambiente in cui vivono.

Come Adottare

Adotta un delfino comune (50 euro annuali)
Invio via mail del certificato di adozione

Adotta un capodoglio (100 euro annuali)
Invio via mail del certificato di adozione + invio di una t-shirt personalizzata Oceanomare Delphis onlus

Adotta un tursiope (50 euro annuali)
Invio via mail del certificato di adozione

Adotta un grampo (50 euro annuali)
Invio via mail del certificato di adozione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le nostre Pinne

Delfino Comune

Un tempo una delle specie di cetacei più abbondanti nel Mediterraneo, a partire dagli anni ’60, i delfini comuni sono diminuiti in tutta la regione. Questa popolazione è stata classificata come “minacciata” nella lista rossa dell’IUCN. Le cause del loro declino includono la diminuzione delle prede a causa dell’eccessiva attività di pesca e la mortalità accidentale negli attrezzi da pesca.

94 individui in catalogo

 

Capodoglio

Non esiste una stima delle dimensioni della sotto-popolazione Mediterranea, ma è presumibile che i numeri si aggirino intorno alle centinaia piuttosto che alle migliaia. Nel 2012 questa popolazione è stata classificata come “minacciata” nella lista rossa dell’IUCN. Le cause principali del recente declino di capodoglio in Mediterraneo includono la cattura nelle reti derivanti pelagiche per il pescespada, il disturbo acustico dovuto al traffico marittimo, alle prospezioni sismiche (airguns) e alle operazioni militari, le collisioni.

97 individui in catalogo

 

Tursiope

Essendo il cetaceo più costiero in Mediterraneo, il tursiope è particolarmente esposto alle attività umane. Fino agli anni ’60 questa specie è stata uno dei bersagli principali di campagne di eliminazione selettiva, durante le quali sono stati uccisi migliaia di animali. In tempi più recenti le minacce principali sono rappresentate dalla diminuzione delle prede a causa dell’eccessiva attività di pesca, la mortalità accidentale negli attrezzi da pesca e l’inquinamento. La popolazione Mediterranea è classificata come “vulnerabile” nella lista rossa dell’IUCN.

207 individui in catalogo

 

Grampo

L’ecologia e lo stato della popolazione di grampo sono poco conosciute. Non esiste una stima di abbondanza per il Mediterraneo, ma in comparazione ad altri piccoli odontoceti i numeri sembrano bassi. La principale minaccia conosciuta è la cattura accidentale in reti da posta e sistemi di ami. Altri problemi includono il disturbo acustico e l’inquinamento chimico. La popolazione Mediterranea è classificata come “carente di dati” nella lista rossa dell’IUCN.

48 individui in catalogo

 

Effettua la tua donazione con

Bonifco Bancario intestato a Oceanomare Delphis Onlus IBAN: IT10F0200822690000401439034 – BIC Swift: UNCRITM1CG2
PayPal https://paypal.me/oceanomaredelphis

Specifica nella causale la specie che vuoi adottare e il tuo indirizzo email

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Detrazione Fiscale

La donazione ricevuta sarà utilizzata in via esclusiva per il perseguimento dei fini istituzionali dell’Associazione.

Tale somma, ove il relativo versamento sia eseguito tramite banca, sarà:
– detraibile ai sensi e nei limiti di cui all’articolo 15 comma 1 lettera i-bis) del D.P.R. n. 917/86 per un importo pari al 26% dell’erogazione da calcolarsi su un massimo di €uro 30.000,00 – se il soggetto erogante è persona fisica o ente non commerciale;
– deducibile per un importo massimo di euro 30.000,00 o del 2% del reddito d’impresa dichiarato ai sensi dell’articolo 100 comma 2 lettere a) e h) del D.P.R. n. 917/86 – se il soggetto erogante esercita attività d’impresa;
– in alternativa per chiunque ai sensi dell’articolo 14 del D.L. n. 35/2005 convertito con modificazioni dalla legge n. 80/2005 deducibile dal redito complessivo nel limite del 10% del reddito complessivamente dichiarato e comunque nella misura massima di €uro 70.000,00 annui.