Balenottera comune

ORDINE CETACEA


SOTTORDINE MISTICETI


FAMIGLIA BALAENOPTERIDAE


GENERE BALAENOPTERA


SPECIE: Balaenoptera physalus (Linnaeus 1758)


Balenottera comune, fin whale, rorcual comun, rorqual commun, Finnwal

balenotteracomune01

La balenottera comune è il più grande cetaceo del Mediterraneo. La sua lunghezza media è stata stimata intorno ai 24 metri per un peso che varia da 60 a 80 tonnellate. Il suo corpo è affusolato. Emana lunghi soffi verticali a cono rovesciato a volte alti 6-7 metri dovuti alla presenza di uno sfiatatoio provvisto di due orifizi. La colorazione è grigio ardesia sul dorso e bianco sul ventre. Presenta una cospicua asimmetria nella pigmentazione del capo: la regione mandibolare destra è bianca, mentre quella di sinistra è grigio ardesia. Inoltre la livrea grigia del dorso, presenta spesso sfumature di diversa tonalità la cui forma è caratteristica dell’individuo. Le balenottere effettuano lunghe apnee variabili dai 5 a 15 minuti (max 26 minuti) e, quando si immergono, non mostrano la pinna caudale fuori dall’acqua.

balenotteracomune02

E’ una specie prettamente pelagica, frequenta acque profonde della scarpata inferiore e di largo anche se, talvolta, alcuni individui sono stati osservati su deboli profondità. Si nutre sia di piccoli crostacei del plancton sia di pesci. In Mediterraneo è stato osservato che gli stessi individui vanno ad alimentarsi ogni anno d’estate nel bacino Liguro-Provenzale e nella parte sud del Mar Tirreno. L’attuale status della popolazione è poco noto nella maggior parte delle aree del Nord Atlantico (incluso il mar Mediterraneo). Studi recenti suggeriscono l’esistenza di una serie di gruppi di questa specie separati geneticamente tra loro a seconda della regione geografica. A livello mondiale, le popolazioni di balenottera comune sono gravemente compromesse a causa dello sfruttamento da parte della moderna baleneria industriale. Pertanto la specie è stata classificata come endangered. In Mediterraneo le collisioni sono la causa principale della mortalità della specie.