Stenella striata

ORDINE CETACEA


SOTTORDINE ODONTOCETI


FAMIGLIA DELPHINIDAE


GENERE STENELLA

SPECIE: Stenella coeruleoalba (Meyen 1833)


Stenella striata, striped dolphin, delfin listado, dauphin bleu et blanc, Streifendelfin

 stenellastriata01

La stenella adulta raggiunge una lunghezza media di 2.2 metri ed un peso di 80-100 kg. Il maschio è leggermente più grande della femmina. Rostro lungo e assottigliato, denti appuntiti e piccoli, corpo snello e siluriforme, pinna dorsale piccola e falcata, pinne pettorali affusolate. Anche la livrea della stenella striata, come quella di delfino comune, è indicativa per il riconoscimento della specie. La colorazione è variabile, dorso grigio bruno o blu scuro, ventre bianco. Una stretta fascia scura corre lungo i fianchi partendo da una macchia intorno all'occhio e terminando allargandosi intorno all'apertura anale; un'altra striscia più sottile parte dall'occhio e termina alla base della pinna pettorale; una terza striscia, "il baffo" parte dalla pinna dorsale in avanti. Il nuoto della stenella è molto veloce, spesso con enormi salti fuori dall’acqua.

stenellastriata02

La stenella striata è una specie cosmopolita, distribuita nelle acque temperate e tropicali di tutto il mondo. In Mediterraneo stenella striata è una specie prevalentemente pelagica, tuttavia si distribuisce entro tutti gli strati batimetrici tendendo a trovarsi anche in prossimità della costa, in particolare dove c’è il passaggio tra due isole e dove il mare è profondo. La stenella vive in branchi che possono variare da una ventina ad un centinaio di individui. In Mediterraneo, ove sembra che si riproduca durante l’estate, è la specie più comune. Si nutre di pesce azzurro e di calamari rivelando un certo opportunismo alimentare. E’ generalmente abbondante, ma alcune popolazioni sono in pericolo. In Mediterraneo un’epidemia di morbillivirus ha causato la moria di più di 1.000 animali tra il 1990 e il 1992. L’inquinamento e la diminuzione della disponibilità delle prede sono stati individuati come fattori innescanti l’infezione.