IMMAs Workshop

Chania IMMA WorkshopÈ stato recentemente pubblicato il Report del primo Workshop regionale per il Mediterraneo sulle Aree di Importanza per i Mammiferi Marini (IMMAs), tenutosi a Chania (Creta) lo scorso ottobre, e organizzato dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

L’appuntamento mediterraneo ha rappresentato il primo di una serie di workshop regionali che l’IUCN ha programmato entro il 2021 in altre 5 aree del globo: Pacifico Meridionale, Indiano Nord-Orientale, Indiano Nord-Occidentale e gli oceani del Pacifico Sud-Orientale, e le acque dell’Oceania che circondano l’Australia e la Nuova Zelanda.

  

   

Cosa sono le IMMA?

Le Aree di Importanza per i Mammiferi Marini (IMMAs) sono porzioni di habitat di particolare rilevanza per le specie di mammiferi marini, che presentano il potenziale per essere gestite tramite misure specifiche di conservazione. L’identificazione di queste aree permette di estendere l’attenzione ben oltre la tutela dei soli mammiferi marini, coinvolgendo uno spettro più ampio di specie, biodiversità ed ecosistemi, promuovendo inoltre la cooperazione a livello internazionale e nazionale nell’ambito di una strategia globale di conservazione marina.

Gli obiettivi del Workshop mediterraneo a Chania

Il gruppo di ben 34 esperti provenienti da 17 Paesi diversi della zona mediterranea si sono riuniti con l’obiettivo di identificare e proporre i siti candidati a diventare IMMA (cIMMAs). La lista delle candidature risultante è stata sottoposta ad un panel di specialisti che, nella prima metà del 2017, attribuiranno o meno lo stato di IMMA.

Le candidature rappresentano degli importanti risultati sulla strada della promozione e implementazione di misure specifiche di conservazione dell’aree in oggetto, a beneficio non solo delle popolazioni di mammiferi marini che le abitano, ma anche di tutto l’ecosistema a cui appartengono, e dunque del patrimonio marino del Mare Nostrum.

Questo primo Workshop regionale ha anche avuto il compito di delineare strategie e priorità di conservazione per lo sviluppo di misure e prassi opportune basate sulla localizzazione geografica di aree di importanza per i mammiferi marini nel Mediterraneo, esaminando le criticità e minacce esistenti alla tutela delle specie in oggetto, e offrendo raccomandazioni per la loro gestione.

Come hanno lavorato gli esperti riuniti a Chania

Il lavoro del gruppo di esperti si è basato su: 1) le specie di mammiferi marini target in relazione alle aree di interesse e 2) le aree di interesse all’interno di regioni in cui è stato suddiviso il bacino del Mediterraneo. Le candidature dei siti sono dunque il risultato di una valutazione a matrice (sito/specie), che tiene dunque conto di questi due aspetti. Compito degli esperti è stato anche quello di revisionare la letteratura scientifica disponibile per sostenere la candidatura dei siti, delineare i confini delle cIMMAs, e compilare i documenti di candidatura.

Il ruolo di Oceanomare Delphis Onlus (ODO) nel Workshop

Ad ODO è stato affidato il compito di coordinare sia il gruppo di lavoro sulla specie di delfino comune (Delphinus delphis), sia quello relativo della regione Tirrenica, nonché di partecipare ai gruppi con focus su capodoglio (Physeter macrocephalus), grampo (Grampus griseus), tursiope (Tursiops truncatus) e balenottera comune (Balaenoptera physalus) per tutte le aree mediterranee.

general cIMMA

I risultati nel Tirreno

Sono emerse le candidature di 5 aree quali possibili IMMA, di cui 3 nell’area di studio di Ischia Dolphin Project, progetto a lungo termine condotto ODO nelle acque tra Ischia e Ventotene: l’area costiera di Ischia (incluso il sistema di canyon di Cuma) per delfino comune e tursiope; le isole di Ischia e Ventotene per grampo e balenottera comune; e gli Arcipelaghi Pontino e Campano per capodoglio. Le altre 2 cIMMAs sono: il Tirreno centrale per balenottera comune e zifio (Ziphius cavirostris), e lo Stretto di Messina per balenottera comune. È stata inoltre identificata come AOL (Area di Interesse) la foce del Tevere, grazie ai dati raccolti dal progetto Delfini Capitolini. Le aree di interesse necessiteranno di ulteriori ricerche e approfondimenti, prima di essere candidate come IMMA.

Per informazioni più dettagliate circa le varie giornate del Workshop, è disponibile online la relazione post-lavori, al seguente link: https://www.marinemammalhabitat.org/activities/immas/workshops/mediterranean-region/